Come posso trovare i lati positivi nelle esperienze difficili? Ottimista vs pessimista

0
58
lati positivi: ottimista vs pessimista

Chi l’ha detto che un po’ di sano ottimismo sia sinonimo di illusione? Molte persone si sono abituate a vivere lamentandosi, rispetto al lavoro, all’amore e a tutte le piccole difficoltà del quotidiano. Purtroppo però questo atteggiamento non fa altro che peggiorare la gestione di qualsiasi imprevisto. Non sarebbe meglio trovare un po’ di forza interiore e provare ad affrontare ogni ostacolo con il sorriso sulle labbra, o trovando lati positivi nelle difficoltà quotidiane?

Essere ottimisti non vuol dire dare poca importanza alle cose o prendere tutto in modo superficiale, ma saper affrontare ogni momento complesso con il giusto piglio. Così potrai trarne insegnamento e attuare un atteggiamento costruttivo per risolvere ogni sfida e superarla al meglio. Ogni scelta che ti trovi a compiere può essere vissuta con atteggiamento ottimista, così da modificare il tuo modo di approcciare e vivere le cose.

Ottimismo in amore: ci sono lati positivi dietro a una rottura?

La domanda è lecita, perché se hai appena scoperto il tradimento del partner potresti aver voglia di fare tutto ma non di essere ottimista. E invece è proprio questa la chiave giusta per superare questa fase: indubbiamente affronterai un momento iniziale di difficoltà, di tristezza…ma avrai una reazione! Ti metterai in discussione, cercherai di capire che cosa è bene imparare da questa rottura e lavorerai su di te, sul modo di vivere una relazione. Il più delle volte, come viene fatto notare anche in psicologia, ci si rende conto solo quando tutto è finito che la storia era in crisi da tempo. E magari eri proprio tu la prima persona a non essere felice, ma per pigrizia o paura hai preferito far finta di nulla. Reagire positivamente ti aprirà tantissime finestre sul tuo passato, ma soprattutto molte porte sul tuo futuro.

Vale anche per il lavoro?

Un momento di difficoltà sul fronte lavorativo è del tutto normale. Ma anche in questo caso ci sono due modi per approcciare un periodo no. C’è chi si piange addosso, si lamenta e non fa nulla per reagire. E poi ci sono quelle persone che hanno voglia di crederci, di mettersi in gioco e cercare una soluzione che possa far ritrovare la giusta serenità. Abbattersi e arrendersi senza aver lottato non è mai un atteggiamento costruttivo, soprattutto nella tua professionale. Magari pensare a come contrastare queste difficoltà ti farà capire che il tuo attuale lavoro non sia quello più giusto per te. E in questo modo saprai come cambiare in meglio, cercando una professione o un’azienda che faccia al caso tuo.

Per essere così propositivi bisogna sicuramente lavorare sulla propria autostima, perché è fondamentale affidarsi alle tue risorse personali. Non perderai tempo dietro a frasi del tipo: “Tutte a me, proprio ora?”. Ti concentrerai subito in una nuova ricerca, che ti porterà non solo a cambiare ambiente di lavoro ma magari a puntare a una professione che ti permetta di guadagnare di più. E la differenza è proprio qui: chi è ottimista vive le stesse esperienze che possono capitare a un pessimista, ma solo quest’ultimo sa affrontarle ricercando lati positivi!